Valutazione antimicrobica in vitro di oli essenziali e loro combinazioni contro l’acne

0
588

Lo studio ha analizzato l’efficacia delle combinazioni commerciali di oli essenziali contro i due agenti patogeni responsabili dell’acne con l’obiettivo di identificare sinergie e oli favorevoli da utilizzare eventualmente in una miscela.

L’attività antimicrobica

È stata valutata utilizzando il dosaggio della concentrazione inibitoria minima (MIC) contro Staphylococcus epidermidis (ATCC 2223) e Propionibacterium acnes (ATCC 11827) ed è stato calcolato l’indice di concentrazione inibitoria frazionaria (ΣFIC). Le combinazioni che mostrano interazioni sinergiche sono state ulteriormente studiate a vari rapporti e i risultati sono stati tracciati su isobologrammi. Dalle 408 combinazioni studiate, 167 combinazioni sono state identificate con attività antimicrobica degna di nota (valore MIC ≤1,00 mg mL -1). Tredici interazioni sinergiche sono state osservate contro S. epidermidis e tre combinazioni sinergiche sono state osservate contro P. acnes. È stato riscontrato che nessuna delle interazioni sinergiche identificate era basata sulle combinazioni raccomandate nella letteratura aroma-terapeutica del profano. La sinergia è risultata piuttosto evidente dalle indicazioni basate sull’attività antimicrobica di studi precedenti, sottolineando così l’importanza della convalida scientifica. Leptospermum scoparium JRForst. e G.Forst (manuka) era l’olio essenziale maggiormente coinvolto nelle interazioni sinergiche (quattro) contro S. epidermidis. Cananga odorata (Lam.) Hook.f. e anche l’olio essenziale di Thomson (ylang ylang) è stato spesso coinvolto in sinergie in cui è stato possibile osservare interazioni sinergiche contro entrambi i patogeni.-1 ). Pogostemon patchouli Benth. (patchouli), V. zizanioides, C. verum e Santalum spp. (sandalo) potrebbero essere identificati come gli oli che hanno contribuito con l’attività antimicrobica più notevole alle combinazioni. I diversi chemiotipi degli oli essenziali utilizzati nelle combinazioni hanno portato prevalentemente ad un’attività antimicrobica simile.

Conclusione

le combinazioni di oli essenziali studiate hanno portato almeno nel 50% dei casi a mostrare un’attività antimicrobica degna di nota. La maggior parte delle interazioni sinergiche non corrispondono necessariamente alla letteratura aroma-terapeutica raccomandata dai profani, che evidenzia la necessità di una convalida scientifica dell’attività antimicrobica dell’olio essenziale. Non è stato osservato alcun antagonismo.

SF van Vuuren, AM Viljoen, G Kamatou. 24 marzo 2018. Int J Cosmet Sci. doi: 10.1111/ics.12456