L’utilità della telemedicina

0
1507

Abbiamo già parlato in passato dell’innovazione tecnologica e digitale collegata ai servizi medici e in particolare alla diagnostica dermatologica e (anche) alla medicina estetica. Infatti, i servizi di telemedicina sono utilizzati sempre più per permettere la comunicazione tra medici al fine di scambiare informazioni e aggiornamenti e tra medici e pazienti al fine poter portare servizi specialistici in zone disagiate o in tempo reale in caso di diagnosi con carattere d’urgenza. Del resto, chi di noi non ha mai ricevuto su whatsapp la foto della cute di qualche conoscente che alla domenica mattina non sa cosa fare o dove rivolgersi per quella dermatite comparsa la notte prima? L’ostacolo ancora da superare è quello medico legale in caso di presupposta malpractice o contestazioni sulla diagnosi; infatti, può la diagnosi essere fatta online? O meglio: la diagnosi mediante filmato o fotografia può sostituire la visita effettuata dal vero con il paziente e con il colloquio diretto tra medico e paziente? Io penso che la visita sia sempre insostituibile e che le prestazioni online debbano solo essere effettuate in caso di reale urgenza o impossibilità a incontrarsi e debbano avere solo un carattere di indirizzo e inquadramento generale in attesa dell’esame clinico dal vero. Aspettiamo comunque che l’Ordine dei medici e i nostri legislatori diano indicazioni più precise a riguardo. Comunque il mondo va avanti e, in attesa di quanto detto, una delle piattaforme telematiche online che mette in contatto pazienti e medici ha iniziato da questo mese il servizio di telemedicina anche in Italia dopo averlo aperto nei mesi scorsi in altri Paesi europei. Negli Stati Uniti, infatti, più di 8 milioni di persone hanno già scelto la videoconferenza per interfacciarsi con il proprio medico.

Il servizio proposto si basa su un meccanismo molto semplice e intuitivo. Ricercando tra gli specialisti presenti sulla piattaforma è immediatamente visibile quali di loro hanno attivato il servizio di telemedicina. L’utente può dunque scegliere tra due modalità di comunicazione con il medico: la messaggistica privata, per dialogare con lo specialista in maniera rapida e immediata, oppure la videoconferenza, per parlare faccia a faccia con il professionista senza doversi recare nel suo studio. Con costi certi e immediatamente visibili, i pazienti potranno quindi usufruire di un consulto medico in qualsiasi momento, previa conferma dello specialista, con un notevole risparmio di tempo e fatica. Il servizio garantisce inoltre la massima attenzione alla privacy degli utenti: i dati personali sono infatti protetti da un efficace sistema di crittografia. Totale sicurezza e tracciabilità anche per quanto riguarda i pagamenti, che sono necessari per i soli servizi di telemedicina, dal momento che le altre funzionalità della piattaforma, come la ricerca degli specialisti e la prenotazione delle visite, sono fruibili gratuitamente. Secondo gli ideatori della piattaforma questo servizio permette ai pazienti di accedere immediatamente a quelli che essi ritengono i ”migliori” specialisti per ogni settore, superando limiti fisici e geografici che ne avrebbero notevolmente limitato il raggio d’azione e condizionato la scelta; al contrario, per i medici si può accedere a un bacino d’utenza a livello nazionale permettendo di avere casistiche importanti al di fuori dei normali canali d’accesso delle aziende sanitarie e degli studi privati. Vedremo nei prossimi mesi come questo possa funzionare e quanto ci potrà aiutare (o meno) nel nostro lavoro quotidiano…