Valutazione della sicurezza in vitro della formulazione della protezione solare 

0
768

Esiste il rischio di reazioni tossicologiche dovute all’assorbimento sistemico e alla fotoinstabilità dei filtri solari. Lo studio mirava a studiare il profilo di sicurezza (citotossicità, fototossicità, fotostabilità, profilo di rilascio del filtro UV e proprietà di irritazione cutanea) della protezione solare (crema solare NLC-TRF) prodotta da vettori lipidici nanostrutturati (NLC) e frazione ricca di tocotrienolo (TRF).

La citotossicità e la fototossicità della crema solare sono state valutate su fibroblasti dermici umani normali (NHDF) e le proprietà di irritazione cutanea sono state testate su un modello di pelle. Inoltre, è stata analizzata la fotoprotezione nell’irradiazione pre e post-UV per determinare la fotostabilità.

Il profilo di rilascio dei filtri UV (dietilammino idrossibenzoil esile, sono stati valutati benzoato (DHHB) ed etilesil triazone (EHT)). La protezione solare NLC-TRF non ha dimostrato citotossicità e irritazione della pelle per causare la morte cellulare. Non ha mostrato alcun effetto fototossico e un’elevata fotostabilità fino a 10 dose minima di eritema (MED) per garantire un valore SPF elevato superiore a 50 e un ampio spettro di assorbimento UV.

La protezione solare NLC-TRF implica la sua sicurezza per l’applicazione topica con profilo di rilascio sostenibile per il filtro UV (rilascio cumulativo del 28% per DHHB e 40% per EHT dopo 8 h) grazie all’applicazione di NLC. I risultati suggeriscono che la crema solare NLC-TRF è una formulazione avanzata con stabilità migliorata ed è sicura per la somministrazione topica.

Chee Chin Chu, Zafarizal Aldrin Azizul Hasanb, Chin Ping Tan, Kar  Lin Nyam; 4 luglio 2022, Disponibile online il 6 luglio 2022. https://doi.org/10.1016/j.tiv.2022.105431