Uno studio sugli effetti dell’uovo nei bambini a rischio allergia

0
1106
Toddler eating boiled egg in the restaurant

L’evidenza epidemiologica suggerisce che l’introduzione ritardata dell’uovo potrebbe non proteggere dall’allergia all’uovo nei bambini a rischio di malattia allergica. Così è stato valutato se l’introduzione dietetica dell’uovo tra 4 e 6 mesi nei bambini a rischio di allergia riducesse la sensibilizzazione all’uovo.

Lo studio

È stata condotta una ricerca randomizzata controllata in neonati con almeno 1 parente di primo grado con malattia allergica. I neonati con una risposta al prick test cutaneo (SPT) all’albume (EW) inferiore a 2 mm sono stati randomizzati all’età di 4 mesi per ricevere uovo intero in polvere o placebo (polvere di riso) fino a 8 mesi di età, con tutte le altre uova dietetiche escluso. Le diete sono state liberalizzate a 8 mesi in entrambi i gruppi. L’outcome primario era una risposta EW SPT di 3 mm o maggiore all’età di 12 mesi. Centossessantacinque bambini sono stati randomizzati a uovo e 154 a placebo. Quattordici bambini hanno reagito all’uovo entro 1 settimana dall’introduzione (nonostante una risposta EW SPT <2 mm all’ingresso) e non erano idonei all’intervento. Duecentocinquantaquattro (83%) bambini sono stati valutati a 12 mesi di età. La perdita al follow-up è stata simile tra i gruppi. La sensibilizzazione a EW a 12 mesi era del 20% e dell’11% nei neonati randomizzati rispettivamente a placebo e uovo (odds ratio, 0,46; IC 95%, 0,22-0,95; P = .03, χ 2 test). La riduzione del rischio assoluto è stata del 9,8% (IC 95%, 8,2% al 18,9%), con un numero necessario per il trattamento di 11 (IC 95%, 6-122). Livelli di IgG 4 alle proteine ​​dell’uovo e IgG 4I rapporti /IgE erano più alti in quelli randomizzati a uovo (P <.0001 per ciascuno) a 12 mesi. Non vi è stato alcun effetto sulla proporzione di bambini con probabile allergia all’uovo (placebo, 13; uovo, 8). In conclusione, l’introduzione dell’uovo intero in polvere nelle diete dei bambini ad alto rischio ha ridotto la sensibilizzazione all’EW e ha indotto i livelli di IgG 4 specifici per l’uovo.  Tuttavia, l’8,5% dei bambini randomizzati all’uovo non era suscettibile di questa prevenzione primaria.

John Wei-Liang Tan, Carolina Valerio, Elizabeth H. Barnes, Paul J Turner, Peter A Van Asperen, Alyson M. Kakakios, Dianne E Campbell, Gruppo di studio sull’allergia all’uovo battente (BEAT). Maggio 2017;139(5):1621-1628.e8. doi: 10.1016/j.jaci.2016.08.035