Iniezioni di tossina botulinica A nella parte superiore del viso

0
590
Iniezioni di tossina botulinica A nella parte superiore del viso

Iniezioni di tossina botulinica A nella parte superiore del viso

La tossina botulinica è una neurotossina prodotta dal batterio Clostridium botulinum. Ne esistono sostanzialmente due tipologie: la A e la B, di cui la prima trova ampio impiego nella medicina estetica.

Indipendentemente dal tipo A o B, la tossina botulinica agisce a livello delle terminazioni nervose che innervano la muscolatura, andando a determinare un meccanismo di rilassamento muscolare della durata media di 3-4 mesi. La tossina botulinica può essere somministrata solo per via iniettiva.

Tossina botulinica e medicina estetica

A fronte di un utilizzo sempre più marcato di iniezioni di tossina botulinica per il ringiovanimento del viso, e di una regolamentazione limitata, che potrebbe esporre i pazienti a potenziali rischi, gli autori di uno studio pubblicato sull’Aesthetic Surgery Journal hanno cercato di valutare il profilo di sicurezza delle iniezioni cosmetiche di BoNT-A sulla zona glabellare e sulla fronte e il relativo tasso di complicanze.

Lo studio

Lo studio condotto da alcuni ricercatori dello University College London, nel Regno Unito, ha preso avvio da una ricerca sistematica sui database Medline ed Embase per trovare altri studi che riportassero complicanze successive ad iniezioni cosmetiche di BoNT-A nella parte superiore del viso, cioè nella regione glabellare o in quella frontale.

È stata pertanto condotta una meta-analisi a effetti casuali per valutare il tasso di complicanze. In presenza di un numero sufficiente di studi randomizzati e controllati, è stata quindi eseguita una meta-analisi di rete.

I risultati

Nell’analisi finale sono stati inclusi 24 articoli su 556 identificati in cui venivano esaminati i risultati di 4.268 sedute di iniezioni di tossina botulinica A e di 1.234 di placebo.
Le complicanze più frequentemente osservate legate al trattamento nel gruppo di intervento BoNT-A comprendevano: cefalea, reazioni cutanee locali e sintomi neuromuscolari facciali.

Il tasso complessivo di complicanze da iniezioni di tossina botulinica A è stato del 16%. Da sottolineare, infine, che nel 30% degli studi gli iniettori erano medici, mentre nel restante 70% non venivano riportate informazioni circa il livello di formazione dell’operatore.

Iniezioni di tossina botulinica: i rischi

Alla luce delle evidenze mostrate, gli autori hanno concluso che le iniezioni cosmetiche di tossina botulinica A che vengono effettuate nella regione glabellare e frontale sembrano essere sicure; inoltre, la maggior parte delle complicanze risulta transitoria oltre che di lieve entità.

Gli stessi hanno, tuttavia, enfatizzato che la letteratura dimostra un’eterogenea segnalazione delle complicanze e una mancanza di coerenza nella definizione delle complicanze correlate al trattamento.

D Zargaran, F Zoller, A Zargaran, E Rahman, A Woollard, T Weyrich, A Mosahebi, Complications of Cosmetic Botulinum Toxin A Injections to the Upper Face: A Systematic Review and Meta-Analysis, Aesthet Surg J. 2022 May; 42(5): NP327–NP336. Doi: 10.1093/asj/sjac036