Valutazione cutanea strumentale

0
7930
MC750 Dermacheck è dotato di sonde per misurare idratazione, sebo ed elasticità della pelle. Altre sonde per integrità di barriera (TEWL), pH, pigmentazione/eritema possono essere collegate in seguito grazie al software CSI (Complete Skin Investigation). Integrabile con videocamera

G.F. Secchi mette a disposizione del medico una serie infinita di strumenti per l’analisi dei parametri cutanei, assistenza tecnica competente e corsi di aggiornamento.

Il mantello idrolipidico protegge la pelle e ne determina caratteristiche individuali fisiologiche che possono deteriorarsi con l’età, in presenza di malattie o a causa di uno stile di vita poco virtuoso. Stress, smog o condizioni ambientali difficili possono peggiorare una situazione già compromessa, ma con una valutazione cutanea strumentale il medico può verificare lo stato di salute e consigliare il trattamento ad hoc. Un aiuto viene da G.F. Secchi, che dal 1979 distribuisce in esclusiva per l’Italia gli strumenti della tedesca Courage+Khazaka Electronic, creatrice dei primi strumenti scientifici per la determinazione obiettiva dei parametri cutanei e considerata oggi uno standard di riferimento. Guidata da Gianfranco Secchi, l’azienda di Tavernerio (CO) offre ai medici un aiuto per misurare oltre venti parametri cutanei e commercializza strumenti certificati ISO 9001:2008 e EN ISO 13485:2012. Apprezzati dalla classe medica internazionale per il rigore scientifico che li contraddistingue, forniscono risultati obiettivi e riproducibili. Ce ne parla nel dettaglio Gianfranco Secchi.

Perché è fondamentale l’analisi dei parametri cutanei? E quando serve farla?

L’analisi dei parametri cutanei è fondamentale per conoscere obiettivamente la validità dei prodotti formulati per il trattamento cosmetico di cute e annessi e per stabilire una prescrizione/consiglio professionale che miri al mantenimento in buono stato della cute, il nostro organo più importante ed esteso (2 m2 ca). In ambito cosmetico le più importanti proprietà della pelle sono l’idratazione, i lipidi (sebo), la funzione barriera, l’elasticità, la struttura superficiale, il colorito e il pH. Ma determinante è quando eseguire queste misurazioni. Di principio le possibilità sono tre. La misurazione della cute non trattata alcune ore dopo l’ultimo lavaggio per permettere il ripristino del normale mantello idrolipidico. Misurazioni della pelle trattata dopo qualche tempo dall’ultima applicazione di prodotto, cioè quando l’acqua della formulazione è evaporata e il film prodotto dall’applicazione è scomparso. I valori di misurazione si stabilizzano sui valori soggettivi di idratazione, in aggiunta a quelli derivanti dall’efficacia del trattamento. Tutto ciò vale anche per la misurazione del sebo: confronto tra prima e dopo per una diretta documentazione dei risultati, per lo più migliori che nella realtà. Per un giudizio definitivo dei risultati è di norma necessario un prolungato utilizzo del trattamento e l’interruzione per qualche giorno, prima di nuove misurazioni.

Quali sono le misurazioni della pelle che si possono eseguire con gli strumenti Courage+Khazaka?

Le misurazioni più numerose sono quelle dell’idratazione e del sebo (integrità ed equilibrio del film idrolipidico, il nostro mantello naturale protettivo). Ambedue le valutazioni sono anche fondamentali per una classificazione della tipologia cutanea. Una terza misurazione molto importante è quella della funzione barriera, che si può effettuare con la TEWL (perdita d’acqua transcutanea). Una elevata TEWL significa che la pelle perde molta acqua sotto forma di vapore acqueo, segnale anche di una funzione barriera compromessa con conseguente possibilità che sostanze inquinanti e batteri penetrino dall’esterno facendo aumentare il pericolo di irritazioni, infiammazioni e allergie. Di regola, a elevata TEWL è associata bassa idratazione e presenza lipidica.

Oltre agli strumenti per misurare lo stato della pelle, forniamo uno strumento per il test dei lipidi dell’occhio prodotti dalle ghiandole di Meibom. Come nel caso dei lipidi cutanei, anche per l’occhio una disfunzione di queste ghiandole modifica il giusto equilibrio idratante/lubrificante del film lacrimale. Sulla base della lunga esperienza acquisita da C+K Electronic nella misura sebometrica, Meibometer permette la misurazione fotometrica dell’impronta lipidica lasciata sulla pellicola misuratrice dopo breve contatto con la palpebra oculare. Un semplice software applicativo per sistemi Windows 7/8/10 permette la valorizzazione corrispondente al picco di trasparenza.

Quali sono gli strumenti maggiormente richiesti dai medici nei loro ambulatori o negli ospedali?

Gli strumenti in uso nei laboratori di medici privati e ospedalieri sono il classico Derma Unit SCC3 (idratazione, sebo e pH) e MC750 Dermacheck, che per il funzionamento necessita di collegamento a pc con sistema operativo Windows 7/8/10. In versione base, tale strumento è dotato di sonde per misurare idratazione, sebo ed elasticità. Altre sonde per integrità di barriera (TEWL), pH, pigmentazione/eritema possono essere collegate in seguito ed essere riconosciute dal software CSI (Complete Skin Investigation) che raccoglie le misurazioni eseguite su una persona in un unico file. Lo strumento può essere integrato anche con una videocamera, per raccogliere immagini della cute e relative valutazioni in un unico file per paziente. A differenza di Derma Unit, qui la scala di misurazione è più semplice (0-99) e facilmente interpretabile.

Derma Unit SSC 3 consente ai medici di misurare lo stato di idratazione, sebo e pH della pelle

Quali sono i parametri per stabilire correttamente l’efficacia di un trattamento?

Con “valori normali” si intende un trattamento che abbia idealmente normalizzato i parametri cutanei. Mentre “valori bassi” vuol dire che il trattamento non è stato sufficiente o non è adatto. In presenza di “valori elevati” il medico ha la possibilità di ridurre la quantità delle applicazioni o del preparato (meno principi attivi). Questi parametri dovrebbero essere verificati non solo nei casi di trattamento cosmetico ma anche di norma e dopo un qualsiasi trattamento dermoestetico che comporti modifiche sostanziali al tessuto cutaneo. Soprattutto dopo aver usato macchinari come laser, luce pulsata o elettroporazione, per esempio, e specialmente nei casi di personalizzazione del protocollo di trattamento.

Quali servizi fornite al medico, a corredo degli strumenti?

Insegniamo il corretto uso degli strumenti di misurazione tramite corsi face to face alla consegna dell’articolo. Siamo al fianco dei medici anche nel postvendita, con assistenza tecnica prestata soprattutto dal nostro laboratorio e da quello della nostra rappresentata, anche in remoto, per la verifica della funzionalità e la taratura delle sonde. Inoltre svolgiamo attività educativa su richiesta di Università o Scuole di specializzazione in occasione di Master o corsi ECM.

Carta d'identità
Nel 1978 nasce G.F. Secchi, situata a Tavernerio (Como). Dal 1979 distribuisce in esclusiva per l’Italia gli strumenti scientifici della tedesca Courage+Khazaka. Destinati al campo della dermatologia e della medicina estetica, misurano l’idratazione e l’elasticità della pelle, la quantità di sebo superficiale, il contenuto di melanina, il grado di eritema, i lipidi della ghiandola lacrimale. Nel 1989 nasce Kelisema, specializzata nella produzione in Italia di ingredienti attivi di origine biotecnologica per prodotti cosmetici.