Ruxolitinib crema, efficacia nel trattamento della vitiligine

0
1916
Ruxolitinib crema, efficacia nel trattamento della vitiligine

Ruxolitinib crema, efficacia nel trattamento della vitiligine

La vitiligine è una malattia autoimmune cronica che provoca chiazze di pelle depigmentata e una riduzione della qualità della vita.

In uno studio di fase 2 randomizzato e a dose variabile condotto su 157 pazienti adulti, l‘inibitore della Janus chinasi (JAK) ruxolitinib crema ha prodotto una sostanziale ripigmentazione delle lesioni della vitiligine del viso e del corpo dopo 24 settimane, con un miglioramento continuo fino alla settimana 52, ed è stato ben tollerato. Di seguito vengono presentate le sotto-analisi di risposta al trattamento dello studio di fase II.

Lo studio

La percentuale di pazienti che ha ricevuto ruxolitinib crema all’1,5% due volte al giorno e ha ottenuto un miglioramento pari o superiore al 50% dell’indice di punteggio dell’area della vitiligine del viso (F-VASI50) alla settimana 24 è stata valutata in base ai dati demografici e alle caratteristiche cliniche di base.

La percentuale di pazienti inizialmente randomizzati a ruxolitinib crema all’1,5% una volta al giorno o due volte al giorno che hanno ottenuto un miglioramento ≥50% e ≥75% dal basale nel Vitiligo Area and Severity Index totale (T-VASI50 e T-VASI75, rispettivamente) alla settimana 52 è stata valutata in base all’area corporea interessata.

PoichĂ© l’applicazione di ruxolitinib crema era limitata a ≤20% della superficie corporea totale, le analisi su tutto il corpo sono state condotte solo nei pazienti che avevano una vitiligine che interessava una percentuale della superficie corporea al basale inferiore o pari al 20%. I dati sono stati analizzati utilizzando statistiche descrittive.

I risultati

Tra i 33 pazienti che hanno ricevuto ruxolitinib crema all’1,5% due volte al giorno, una percentuale maggiore di responder in base all’indice di gravitĂ  ed estensione della vitiligine del viso (F-VASI50) a 24 settimane aveva un’etĂ  ≤50 anni rispetto a >50 anni (58,8% vs 31,3%). Una percentuale maggiore di donne rispetto agli uomini (60,0% vs. 33,3%) è risultata rispondente in base all’indice di gravitĂ  ed estensione della vitiligine del viso.

Una percentuale maggiore di rispondenti aveva una superficie del viso affetta da vitiligine al basale inferiore o uguale a 1,5%, una durata della malattia superiore a 20 anni e un precedente trattamento con fototerapia.

Non ci sono state differenze sostanziali tra i responder in base alla razza, al tipo di pelle, alla Total Body Surface Area T-BSA basale o allo stato della malattia.

Tra i pazienti con vitiligine che interessava una percentuale della superficie corporea totale al basale inferiore o pari al 20%, entrambe le dosi di ruxolitinib crema (1,5% una volta al giorno e due volte al giorno) hanno prodotto notevoli risposte nell’indice di gravità ed estensione totale della vitiligine alla settimana 52.

La dose di ruxolitinib crema all’1,5% due volte al giorno ha prodotto la piĂą alta percentuale di risposte T-VASI50 nella regione testa-collo (60%), seguita dalle estremitĂ  superiori e inferiori (52,9% e 52,6%, rispettivamente).

Il miglioramento dell’indice di estensione e gravitĂ  della vitiligine delle mani e dei piedi è stato osservato rispettivamente nel 15% e nel 29,4% dei pazienti che hanno ricevuto ruxolitinib crema all’1,5% due volte al giorno.

Le conclusioni

Ruxolitinib crema ha dimostrato trend di attivitĂ  clinica per il trattamento della vitiligine in tutte le fasce demografiche e caratteristiche cliniche, anche nei pazienti con malattia estesa e di lunga durata.

Le risposte sul viso della Vitiligo Area and Severity Index (F-VASI50) sono state osservate in oltre il 40% dei pazienti precedentemente trattati con corticosteroidi topici o inibitori topici della calcineurina e in due terzi dei pazienti che avevano ricevuto un trattamento con fototerapia in precedenza.

Ruxolitinib crema ha, inoltre, prodotto una ripigmentazione clinicamente significativa di tutte le aree del corpo, comprese le aree acrali, notoriamente difficili da ripigmentare. Nel complesso, questi risultati supportano l’uso di ruxolitinib crema per il trattamento della vitiligine.

I. Hamzavi, D. Rosmarin, J. E. Harris et al., Efficacy of ruxolitinib cream in vitiligo by patient characteristics and affected body areas: Descriptive subgroup analyses from a phase 2, randomized, double-blind trial, Am Acad Dermatol. 2022 Jun;86(6):1398-1401. Doi: 10.1016/j.jaad.2021.05.047