I cannabinoidi per il trattamento di condizioni dermatologiche

0
541

Negli ultimi anni, i prodotti a base di cannabinoidi (CB) hanno guadagnato popolarità tra il pubblico. Le loro proprietà antinfiammatorie hanno suscitato l’interesse di ricercatori e clinici perché rappresentano strade promettenti per il trattamento dei disturbi cutanei autoimmuni e infiammatori che possono essere refrattari alla terapia convenzionale. L’obiettivo di questo studio era di rivedere la letteratura esistente sui CB per le condizioni dermatologiche.

Gli studi

Nell’ottobre del 2020 è stata condotta una ricerca bibliografica primaria, utilizzando i database PubMed ed Embase, per tutti gli articoli pubblicati dal 1965 all’ottobre 2020. Sono stati esclusi gli articoli di revisione, gli studi che utilizzano modelli animali e gli studi non dermatologici e farmacologici. Da 248 studi non duplicati, sono stati inclusi 26 articoli. C’erano 13 articoli sugli OC sistemici e 14 rapporti sugli OC topici. Gli agonisti selettivi del recettore CB di tipo 2 sono risultati efficaci nel trattamento della sclerosi sistemica cutanea diffusa e della dermatomiosite. Il dronabinol ha mostrato efficacia per la tricotillomania. Il cannabidiolo sublinguale e il Δ-9-tetraidrocannabinolo hanno avuto successo nel trattamento del dolore associato all’epidermolisi bollosa. Le prove disponibili suggeriscono che i CB possono essere efficaci per il trattamento di vari disturbi infiammatori della pelle. Sebbene promettenti, sono necessarie ulteriori ricerche per valutare l’efficacia e determinare le linee guida di dosaggio, sicurezza e trattamento a lungo termine.

Torunn E. Sivesind, Jalal Maghfour, Spero Rietcheck, Kevin Kamel, Ali S. Malik,Roberto P. Dellavalle; 2, 2, 100095; 12 gennaio 2022; doi.org/10.1016/j.xjidi.2022.100095