Cosmetici con alfa-idrossiacidi venduti online: i possibili rischi

0
807
Cosmetici con alfa-idrossiacidi venduti online: i possibili rischi

Cosmetici con alfa-idrossiacidi venduti online: i possibili rischi

Gli alfa-idrossiacidi (AHA) sono utilizzati in dermatologia per il trattamento topico di alcuni disturbi della pelle.

Alfa-idrossiacidi nei cosmetici

Alcuni organismi di regolamentazione, tra cui la Food and Drug Administration (FDA) americana, raccomandano di etichettare i prodotti cosmetici che contengono questi ingredienti con l’avviso di possibili “scottature solari” e avanzano proposte di limitazioni relative alle concentrazioni di AHA nei prodotti.

Parallelamente, il gruppo di esperti CIR (Cosmetic Ingredient Review) ha raccomandato la presenza di massimo il 10% di AHA nei prodotti, quota corrispondente alla concentrazione massima sicura.

Cosmetici con alfa-idrossiacidi online

Oggi assistiamo alla tendenza in rapido aumento dell’acquisto online di prodotti cosmetici, e risulta importante che le etichette di tali formulazioni trasmettano le avvertenze necessarie e che siano armonizzate con le direttive degli organismi di regolamentazione anche per quanto riguarda le concentrazioni raccomandate di AHA.

Lo scopo di questo rapporto pubblicato su PubMed è stato quello di indagare se l’avviso del possibile rischio di scottature solari, così come le raccomandazioni riguardanti gli AHA — utilizzati principalmente per i prodotti cosmetici esfolianti — fossero visibili o meno ai consumatori durante l’acquisto online.

Lo studio

In particolare, la conformità agli standard FDA e CIR Expert Panel è stata analizzata in riferimento ai primi 50 prodotti cosmetici apparsi successivamente all’indagine condotta sul sito web della società di e-commerce Amazon.com, utilizzando il termine di ricerca “AHA anti-invecchiamento”.

Dalla ricerca è stato riscontrato che i prodotti cosmetici esfolianti contenevano AHA in un’ampia gamma di concentrazioni, dal 2,5 al 70%.

Le conclusioni

Nello specifico, 19 prodotti su 50 contenevano una concentrazione di alfa-idrossiacidi superiore a quella raccomandata, mentre 12 prodotti non contenevano alcun dato relativo alla percentuale di tali attivi.

Gli avvisi riguardo al rischio di possibili scottature erano presenti in solo 16 delle 50 pagine analizzate.

In conclusione, lo studio sottolinea che dovrebbero essere compiuti maggiori sforzi per fornire agli utenti informazioni corrette e complete e rileva la necessità nella protezione dalle potenziali complicazioni che possono insorgere dopo trattamenti topici con prodotti contenenti AHA.

Veljko Krstonošić, Dejan Ćirin- Are cosmetics based on alpha hydroxy acids safe to use when purchased over the internet?- Toxicol Ind Health- Dec;38(12):835-838 (2022)
doi: 10.1177/07482337221126771.