Miglioramento multiforme del fotoinvecchiamento cutaneo da (0,3%) retinolo 

0
975

Sebbene i prodotti per la cura della pelle con retinolo migliorino l’aspetto della pelle fotoinvecchiata, è necessaria una concentrazione di retinolo efficace che fornisca benefici per la pelle senza irritazioni. Per questo è stata confrontata l’efficacia del retinolo topico allo 0,1%, 0,3% e 1% nel rimodellamento dell’architettura cutanea in uno studio sperimentale di patch test in vivo e determinata la tolleranza delle formulazioni più efficaci quando utilizzate in uno studio di escalation giornaliero in uso.

Lo studio

Per lo studio del patch test, i prodotti a base di retinolo sono stati applicati sotto occlusione, all’avambraccio estensore di volontari fotoinvecchiati (n = 5; fascia di età 66 – 84 anni) e biopsie cutanee di 3 mm ottenute dopo 12 giorni. Gli effetti di diverse concentrazioni di retinolo e un controllo del veicolo sui biomarcatori epidermici e cutanei chiave della proliferazione cellulare e del rimodellamento dermico sono stati confrontati con il basale non trattato. Separatamente, i 218 partecipanti hanno registrato la loro tolleranza allo 0,3% o all’1% di retinolo in un regime approvato di sei settimane, che ha gradualmente aumentato le applicazioni facciali a una volta ogni notte. Il trattamento con retinolo ha indotto un aumento graduale dello spessore epidermico e ha indotto l’espressione delle proteine ​​dello strato corneo, della filaggrina e del KPRP. Il retinolo allo 0,3% e all’1% era comparabilmente efficace nell’indurre la proliferazione dei cheratinociti nell’epidermide, riducendo al contempo l’espressione della e-caderina. La deposizione di microfibrille ricche di fibrillina è aumentata dopo il trattamento con 0,3% e 1% di retinolo (P <0,01); altri componenti dermici sono rimasti inalterati (ad es. fibronectina, fibrille di collagene, elastina) e non è stata rilevata alcuna evidenza di infiammazione locale. Lo studio in uso ha rilevato che lo 0,3% era meglio tollerato rispetto all’1% di retinolo, con eventi avversi riportati meno e più lievi (χ 2 (1) = 23,97; P <0,001). In conclusione, questo studio suggerisce che le concentrazioni di retinolo 1% e retinolo 0,3% erano similmente efficaci nel rimodellamento della pelle fotodanneggiata in un modello in vivo di uso a lungo termine. L’uso di retinolo allo 0,3% nello studio di escalation è stato associato a un minor numero di reazioni avverse se applicato quotidianamente. Pertanto, lo 0,3% di retinolo può essere meglio tollerato rispetto all’1% di retinolo, consentendo così un’applicazione topica a lungo termine.

Kieran T Melodia , Eleanor J Bradley, Bezaleel Mambwe , Lindsay F. Cotterell, Bacio Orsolia, Poonam Halai, Zeena Loftus, Mike Bell, Tamara W Griffiths, Christopher EM Griffiths, Rachel EB Watson ;1 luglio 2022. doi: 10.1111/ics.12799