La radiofrequenza bipolare per il trattamento di acne e cicatrici post acneiche

0
8004

Cicatrici acneLa radiofrequenza bipolare frazionale può essere proposta come utile presidio per il trattamento dell’acne attiva e cicatriziale in popolazioni con fototipi scuri. Queste le conclusioni di uno studio giapponese disegnato per studiare l’efficacia e la sicurezza di questa metodica per il trattamento delle cicatrici acneiche atrofiche e dell’acne. La popolazione campione era costituita da 23 pazienti con acne leggera e moderata e con cicatrici atrofiche in entrambe le guance. I pazienti sono stati trattati con un sistema FRF (eMatrix; Syneron, Yokneam Illit, Israel) in 5 sessioni intervallate di 1 mese e poi valutati a 3 mesi dalla fine del trattamento. I parametri di valutazione includevano la severità delle cicatrici e il numero di lesioni acneiche, analizzati con un sistema 3-D in vivo. È stata effettuata anche una valutazione dei risultati del trattamento e dei loro effetti sulla qualità della vita (QOL) dei pazienti.

I risultati hanno mostrato un miglioramento del volume cicatriziale più marcato nel 57,5% dei soggetti con cicatrici lievi e moderate. Relativamente alle lesioni acneiche attive, le zone trattate mostravano una significativa riduzione delle lesioni rispetto al basale.

Le valutazioni dei pazienti sui risultati del trattamento e della loro qualità della vita hanno indicato che entrambi erano migliorati significativamente alla fine dello studio. È stata inoltre osservata una riduzione significativa dei livelli di sebo, della ruvidità cutanea e della profondità cicatriziale. Gli effetti collaterali riportati sono stati minimi.

Kaminaka C, Uede M, Matsunaka H, et al. J Dermatol. 2015; 42(6):580-7.