Idratazione cutanea: i diversi impatti delle formulazioni

0
521
Idratazione cutanea: i diversi impatti delle formulazioni
The texture of a thick cosmetic hyaluronic or collagen gel on the skin.

Idratazione cutanea: i diversi impatti delle formulazioniI soggetti con pelle sensibile sono altamente reattivi a stimoli diversi e normalmente innocui, siano essi stimoli fisici, chimici e termici. I meccanismi sottostanti includono una diminuzione dell’idratazione della pelle.

Idratazione cutanea: lo studio

Uno studio condotto da ricercatori francesi pubblicato su PubMed ha valutato l’impatto sull’idratazione della pelle di due diverse formulazioni.

Attraverso l’imaging al microscopio elettronico a scansione (SEM) e la diffrazione di raggi X i ricercatori hanno analizzato le formulazioni e l’impatto della formulazione sulla struttura dello strato corneo (SC).

L’imaging con spettrometria di massa (MSI) è stato utilizzato per confrontare gli ingredienti della formulazione con i componenti SC e per rilevare la loro distribuzione nella pelle.

I cambiamenti nell’idratazione della pelle sono stati misurati in base all’indice di idratazione oltre 24 ore dopo l’applicazione topica.

È stato condotto uno studio clinico per valutare il profilo sensoriale (una valutazione soggettiva di vari descrittori per tatto, aspetto e sensazione).

Le formulazioni

Le formulazioni di crema e balsamo consistevano in acqua termale con trigliceride caprilico/caprico, glicerina, alcool cetearilico, squalene, cera d’api (cera alba), cetearyl glucoside, esteri cetilati, Aquaphilus dolomiae ferment filtrate, arginina, acido citrico, trometamina, acqua e gomma di xantano.

La crema (ma non il balsamo) conteneva anche ethyhexyl palmitate e il balsamo (ma non la crema) conteneva anche burro di karité.

Le tecniche in vitro hanno indicato che le formulazioni penetrano nella pelle e creano una sorta di serbatoio negli strati più profondi di SC all’interno dei doppi strati lipidici senza interrompere la cristallinità liquida/struttura lamellare.

Il mantenimento dell’equilibrio tra le due fasi è necessario per una funzione di barriera, ottimale nella prevenzione della perdita d’acqua.

Le conclusioni

Questi dati indicano che le formulazioni, in virtù della loro composizione simile a quella della pelle, rinforzano la barriera lipidica.

Nello studio clinico, entrambe le formulazioni hanno aumentato notevolmente l’idratazione della pelle in breve tempo dopo l’applicazione.

Jacques, C., Rattier, S., Bianchi, P., Angerer, T.B., Frache, G., Cattuzzato, L., Perrin, L., Villaret, A., Duran, V., Noharet, J., Rouquier, A., Bessou-Touya, S., Bidan, C. and Duplan, H. (2022), In vitro characterization and clinical evaluation of skin hydration by two formulations mimicking the skin’s natural components. J Eur Acad Dermatol Venereol, 36: 21-29; https://doi.org/10.1111/jdv.17900