Burri e oli vegetali come principi attivi terapeutici e cosmetici per uso cutaneo 

0
430

Sebbene la composizione chimica dei burri e degli oli vegetali sia stata studiata in dettaglio, le conoscenze sui loro meccanismi d’azione dopo l’applicazione sulla pelle sono limitate. Per comprendere meglio i loro effetti cutanei, 27 studi clinici hanno valutato 17 oli vegetali (mandorla, argan, avocado, borragine, cocco, enotera, kukui, marula, senape, neem, oliva, colza, sacha inchi, cartamo, burro di karitè, semi di soia e oli di girasole) sono stati esaminati in questa ricerca.

Lo studio

Gli studi esaminati si sono concentrati su pelle non colpita, pelle infantile, psoriasi, xerosi, eritema indotto da UVB, dermatite atopica, mollusco contagioso, tungiasi, cicatrici, strie e striae gravidarum. Concludiamo che nella pelle affetta da infiammazione, gli oli vegetali con un alto contenuto di acido oleico, insieme alla mancanza o a un basso contenuto di acido linoleico, possono causare un ulteriore danno strutturale dello strato corneo, mentre gli oli ricchi di acido linoleico e grassi saturi gli acidi possono esprimere effetti positivi. La pelle non colpita, al contrario, potrebbe non reagire negativamente agli oli ricchi di acido oleico. Tuttavia, la frequenza e la durata dell’uso di un olio devono essere considerate un fattore importante che può accelerare o potenziare gli effetti negativi sull’integrità strutturale della pelle.

Nina Poljšak  e Nina Kočevar Glavač; 25 aprile 2022. doi.org/10.3389/fphar.2022.868461

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here