Microemulsioni e nanoemulsioni per la somministrazione cutanea dei farmaci

0
926

Microemulsioni e nanoemulsioni per la somministrazione cutanea dei farmaciLe microemulsioni e le nanoemulsioni sono sistemi farmaceutici a base lipidica che presentano un elevato potenziale per aumentare la permeazione dei farmaci e degli attivi attraverso la pelle.

Pur trattandosi di dispersioni isotrope di due liquidi non miscibili (olio e acqua), si riscontrano differenze significative tra microemulsioni e nanoemulsioni.

Microemulsioni e nanoemulsioni: le differenze

Infatti, le microemulsioni sono emulsioni O/W termodinamicamente stabili che presentano una dimensione media delle goccioline di circa 100-400 nm, mentre le nanoemulsioni sono emulsioni O/W termodinamicamente instabili con dimensioni medie delle goccioline di circa 1-100 nm.

La loro fase oleosa interna consente la solubilizzazione delle molecole lipofile, che permette di raggiungere elevati tassi di incapsulamento, strumentali per la somministrazione del farmaco.

In questa rassegna pubblicata su Pubmed viene discussa l’importanza di questi sistemi, le principali differenze relative alla loro composizione e i possibili processi di produzione.

Attualmente la maggior parte delle micro/nanoemulsioni disponibili sul mercato sono detenute dall’industria cosmetica.

Ma per migliorare l’attività dei farmaci utilizzati nei prodotti per la cura della pelle si sta prendendo in considerazione lo studio e lo sviluppo di nuove formulazioni farmaceutiche progettate per la somministrazione topica, cutanea e transdermica di molecole terapeutiche.

Come già sperimentato in cosmetica questi sistemi sono particolarmente utili per la veicolazione di molecole scarsamente idrosolubili attraverso la cute e, se si parla di farmaci il sistema presenta alcuni vantaggi rispetto alla via orale, poiché i farmaci sfuggono al metabolismo di primo passaggio.

Microemulsioni e nanoemulsioni per le malattie cutanee

In particolare per il trattamento delle malattie cutanee, in associazione o in alternativa all’utilizzo di cosmetici, la somministrazione topica dovrebbe rappresentare la via preferenziale al fine di ridurre i potenziali effetti collaterali, indirizzando molecole attive al sito di azione.

Pertanto, le nanoemulsioni e le microemulsioni rappresentano opzioni versatili per il rilascio di sostanze attive attraverso barriere lipofile e, a tale scopo, sono stati formulati molti composti sintetici e naturali utilizzando questi sistemi di rilascio, con l’obiettivo di migliorare la stabilità, il rilascio e la bioattività dei preparati.

Microemulsioni e nanoemulsioni: gli studi ad oggi

Nel presente articolo vengono fornite informazioni dettagliate sulle pubblicazioni scientifiche disponibili maggiormente recenti e rilevanti che presentano e discutono il potenziale di questi sistemi di rilascio per aumentare la permeabilità cutanea di farmaci e altre molecole con attività antinfiammatorie, di protezione solare, anticarcinogeniche e/o cicatrizzanti.

Vengono inoltre presentati e discussi i principali prodotti per la cura della pelle commercializzati attualmente, che utilizzano questi sistemi.

Eliana B Souto, Amanda Cano, Carlos Martins-Gomes, Tiago E Coutinho, Aleksandra Zielińska, Amélia M Silva- Microemulsions and Nanoemulsions in Skin Drug Delivery- Bioengineering (Basel), Apr 5;9(4):158 (2022); doi: 10.3390/bioengineering9040158.