Psoriasi: lo IED per creare abiti con tessuti intelligenti

0
63

clear-skin-lover

Sono ancora molti i pregiudizi legati alla psoriasi: per cercare di superare credenze e falsi miti legati alla sua contagiosità nasce il progetto ClearSkin Lovers, un’iniziativa di sensibilizzazione che lega a doppio filo il concetto di pelle libera dalle lesioni della psoriasi e il mondo creativo della moda, attraverso una campagna di sensibilizzazione e un premio alla creatività. Organizzata dallo IED Istituto Europeo di Design di Milano e Novartis, ha il patrocinio dell’associazione di pazienti A.DI.PSO e delle società scientifiche di dermatologia ADOI e SIDeMaST. «Indossare abiti che rispettano l’ambiente e regalano benessere è possibile, grazie a tessuti ecosostenibili ed eco-dermo compatibili» afferma Sara Azzone, Direttore IED Moda Milano «ClearSkin Lovers è un’opportunità per i giovani designer di lasciarsi ispirare dal tema dell’importanza della cura della pelle per dar vita a creazioni che sviluppano nuovi metodi di lavorazione dei tessuti».

Nella patologia, infatti, non è secondaria la scelta di ciò che si indossa «Alcuni tessuti – dice Antonio Cristaudo, presidente ADOI e direttore UOSD Dermatologia infettivologica e allergologica Istituto San Gallicano di Roma – possono contribuire a peggiorare lo stato di irritazione e di infiammazione della pelle. Il mio consiglio è quello di indossare capi di cotone piuttosto comodi, intimo compreso, evitando tessuti sintetici o indumenti stretti che possono causare lo strofinamento delle placche psoriasiche con peggioramento delle lesioni e aumento del prurito. Inoltre, un valido aiuto per i pazienti è rappresentato dai cosiddetti ‘tessuti intelligenti’». Si tratta di tessuti ipertecnologici composti da una fluoro-fibra sintetica che rende il capo d’abbigliamento impermeabile, sempre fresco, leggero e scivoloso. Questi tessuti rappresentano un valido aiuto dal momento che eliminano l’attrito, non assorbono creme e unguenti e consentono alla pelle di respirare, riducendo notevolmente le irritazioni dovute allo strofinamento degli abiti sulla pelle.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here